il primo circolo per soci con servizio di risto-pub totalmente vegan / the first vegan club in Rome.

per l’ambiente

il nostro impatto ambientale, ossia il modo in cui influiamo sull’ambiente, deriva dall’insieme delle nostre scelte di vita e di consumo. e se questo è relativamente acquisito nella coscienza pubblica, soprattutto in questi ultimi anni in cui la preoccupazione per il futuro del nostro pianeta è notevolmente cresciuta, non sempre è chiaro come e quanto concretamente influiamo sull’ambiente che ci circonda.

fra i diversi argomenti a tale riguardo, di sicuro uno dei più rilevanti è la nostra alimentazione. infatti il cibo che consumiamo è uno dei fattori quantitativamente maggiori nella valutazione del nostro impatto ambientale e, come vedremo i prodotti animali, come carne, latte, uova, pesce, sono fra le cause maggiori di speco di risorse e inquinamento.

gli animali d’allevamento consumano infatti molte più calorie, ricavate dai mangimi vegetali, di quante ne producano sotto forma di carne, latte e uova e come “macchine” (così purtroppo sono considerati nella moderna zootecnia) che convertono proteine vegetali in proteine animali, sono del tutto inefficienti. d’altronde basta pensare che mentre ci si potrebbe nutrire direttamente con le risorse vegetali coltivate nei campi, si preferisce invece coltivare gli stessi campi per produrre cibo per gli animali chiusi negli allevamenti, per i quali bisogna poi “sprecare” una enorme quantità di risorse energetiche e di acqua.

consumo di acqua

l consumo d’acqua di una dieta che includa la carne o latticini è decisamente maggiore di una dieta vegan (che esclude i derivati animali); ed il tema dello spreco d’acqua, soprattutto proiettato negli anni a venire, è di scottante attualità. per esempio, si pensi che per produrre un kg di manzo possono occorrere fino a 100.000 litri d’acqua, mentre per un chilo di frumento ne occorrono solo 900 e per un chilo di soia 2000. [fonte: “water resources: agriculture, the environment, and society” an assessment of the status of water resources by david pimentel, james houser, erika preiss, omar white, et al. bioscience, february 1997 vol. 47 no. 2]

i numeri potrebbero sembrare eccessivi, ma basta riflettere un attimo sull’iter di produzione. per un chilo di frumento è necessario in totale utilizzare circa 900 litri di acqua. ma per produrre una bistecca, bisognerà prima di tutto coltivare quello stesso frumento, anzi molto di più, dato che andrà usato per nutrire dei bovini per svariato tempo; tempo nel quale andrà dato loro da bere, ma anche utilizzata molta acqua per tenere pulite le stalle; ed infine bisogna anche considerare l’acqua utilizzata all’interno dei macelli. in totale, non è poi così strano vedere che mangiando carne si consumi circa cento volte più acqua che non mangiando vegan!
senza dimenticare che quanto detto è vero anche per gli altri alimenti animali. ad esempio, le considerazioni sull’acqua necessaria per allevare un bovino sono valide anche per la produzione di latte; in questo caso addirittura si deve considerare anche l’impiego di acqua, non indifferente, necessario per tenere pulite le sale di mungitura e soprattutto i macchinari per mungere. si arriva facilmente ad un fabbisogno di circa 100 litri al metro quadro per giorno. [fonte: il ruolo dell’acqua nell’allevamento animale – giuseppe enne, gianfranco greppi, monica serrantoni]

decidendo semplicemente di essere vegan si possono risparmiare più di 5 milioni di acqua ogni anno. si potrebbe lasciare aperta la doccia 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno. senza riuscire a sprecare così tanta acqua come fa una persona che segue una dieta a base di prodotti animali.

effetto serra

andando oltre, un altro aspetto fortemente negativo dell’allevamento, anche questo poco conosciuto, è la sua incidenza sull’effetto serra. infatti sono molti gli studi che indicano chiaramente come il contributo della produzione di alimenti animali al totale dei gas serra sia molto rilevante. in particolare, sotto forma di metano prodotto dal sistema digerente degli animali con l’emissione di gas intestinali, mentre le deiezioni degli animali diffondono nell’ambiente sostanze acidificanti ed eutrofizzanti. ricordando anche che, come già sottolineato, l’allevamento implica una maggiore serie di attività inquinanti rispetto al coltivare vegetali destinati direttamente all’alimentazione umana, come ad esempio il trasporto di vegetali e la loro trasformazione in cibo per animali. tutto questo porta un altro forte contributo all’effetto serra. per avere qualche dato ufficiale, basta riportare che la fao, nella relazione “livestock’s long shadow” presentata il 29 novembre 2006, afferma che il bestiame produce circa il 9% del principale gas serra, il biossido di carbonio, ma è responsabile di alte emissioni di altri importanti gas serra: il 35-40% delle emissioni di metano e il 65% di quelle di ossido di azoto (che è circa 300 volte più dannoso del co2 per il riscaldamento globale) vengono prodotte infatti dal bestiame. le emissioni totali di gas serra causate dal settore zootecnico sono pari al 18% del totale dovuto alle attività umane; una percentuale simile a quella da addebitare all’industria e maggiore di quella dovuta all’intero settore dei trasporti.
un recente studio condotto in germania (dall’associazione foodwatch insieme ai ricercatori dell’istituto tedesco per la ricerca sull’economia ecologica) effettua un calcolo preciso su quanta co2 si produca, in un anno, seguendo diversi tipi di alimentazione; per risultare più comprensibile il raffronto è stato esplicitato in termini di km equivalenti percorsi in auto e si hanno i seguenti risultati:

alimentazione vegan
da agricoltura bio: 281 km
da agricoltura convenzionale: 629 km

alimentazione vegetariana
da agricoltura bio: 1978 km
da agricoltura convenzionale: 2427 km

alimentazione onnivora
da agricoltura bio: 4377 km
da agricoltura convenzionale: 4758 km

deforestazione

ci sono altri aspetti poco conosciuti dell’impatto degli allevamenti. uno di questi è il suo peso rispetto alla deforestazione: le foreste pluviali vengono abbattute non tanto per predarne il legname, come molti credono, ma sopratutto per ottenere pascoli per l’allevamento di bovini destinati a fornire carne all’occidente. il problema consiste ancora una volta nella necessità di produrre grandi quantità di vegetali non per nutrire direttamente l’uomo ma per sostenere l’allevamento, per poi – alla fine dei conti – produrre cibo per una quantità molto minore di esseri umani.
ad esempio, i dati riportano che la maggior parte della deforestazione della foresta amazzonica è dovuta all’allevamento di bovini (la cui carne verrà poi principalmente esportata), circa il 60%. solo circa il 30% è dovuta all’agricoltura di sussistenza o di piccola scala [fonte: http://www.mongabay.co].

una ulteriore riflessione importante: anche per quanto riguarda l’agricoltura c’è un problema collegato dall’allevamento; infatti una grossa fetta di risorse vegetali, soprattutto la soia, vengono coltivate per diventare foraggio per gli animali. quindi, semplificando al massimo: si abbattono grandi aree di foresta per fare campi di soia e cereali, che invece di essere usati per nutrire gli uomini (magari di quelle stesse zone), sono usati per sostenere l’allevamento e produrre carne da esportare nei paesi più industrializzati. ancora un aspetto dal quale emerge lo spreco e il grave impatto ambientale del consumo di carne e altri alimenti animali.

per salvare l’ambiente

riassumendo, i dati oggettivi sono incontrovertibili: l’allevamento di animali – sia per produrre carne che per produrre altri derivati – comporta un enorme spreco d’acqua, contribuisce in maniera rilevante all’effetto serra, è la principale causa della deforestazione ed è altamente inquinante non solo a causa dell’allevamento stesso ma anche per la produzione di foraggio, per i trasporti, dei mangimi e degli animali.
questa forte critica all’allevamento ovviamente va fatta nella misura in cui esiste una valida alternativa: scegliere una alimentazione priva di alimenti animali, ossia seguire una dieta vegana.

[fonte: progetto vivere vegan]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...